Omesso versamento dell’assegno di mantenimento.

Legali Bomenuto & Romeo > Blog > Articoli > Post > Omesso versamento dell’assegno di mantenimento.

Omesso versamento dell’assegno di mantenimento.

I giudici di piazza Cavour ribadiscono come il reato di cui all’art. 3 della L.. n. 54/2006 è perseguibile d’ufficio e ha natura permanente, e dunque si procede contro l’imputato anche nel caso di remissione di querela.

Il caso:

L’uomo era imputato per essersi sottratto all’obbligo di corrispondere l’assegno di mantenimento, disposto in sede di separazione, ai tre figli minori e per diversi mesi.

In abbreviato a seguito di opposizione al decreto penale, dichiarava non doversi procedere nei confronti dell’imputato, essendosi il resto estinto per intervenuta remissione di querela.

Il Procuratore generale presso la Corte d’appello di Brescia ha proposto ricorso per Cassazione chiedendo l’annullamento della sentenza impugnata per violazione della legge penale, perché il reato per il quale si stava procedendo era perseguibile d’ufficio poiché, commesso in danno dei figli minori degli anni 18.

La Corte di Cassazione accoglie il ricorso, ricordando che è reato perseguibile d’ufficio ed  ha natura permanente.

La consumazione di tale reato termina con l’adempimento integrale dell’obbligo ovvero con la data di deliberazione della sentenza di primo grado quando dal giudizio emerga espressamente che l’omissione si è protratta anche dopo l’emissione del decreto di citazione a giudizio (Cass. n. 23794 del 2017).

La disposizione prevede e punisce due fattispecie delittuose

1) incrimina il soggetto che si sottragga all’obbligo di corresponsione di ogni tipologia di assegno;

2) sanziona la violazione degli obblighi di natura economica in materia di separazione personale e affidamento condiviso dei figli.

Contesti senza il vincolo del matrimonio.

E’ valida anche in contesti familiari senza il vincolo del matrimonio,  perché il diritto penale garantisce protezione anche alla famiglia di fatto o ad altri tipi di unione attualmente riconosciuti dalla legge civile, indipendentemente dalla circostanza che compongano una famiglia fondata sul matrimonio o una famiglia di fatto.

Studio legale

Per maggiori informazioni richiedi una consulenza. www.avvocatibomenutoromeo.it

Tel 349.2600194 – 347.3860056